Chiesa di Santa Maria della Neve

Tipo
Chiesa
Nazione
Italia
Regione
Abruzzo
Provincia
L'Aquila
Comune
Bugnara

Descrizione

Il santuario, di cui non si hanno molte notizie storiche, sorge in un luogo ritenuto sacro sin dai tempi dei romani. Si tramanda, infatti, che esso fu edificato sui resti di un tempio dedicato a divinità campestri, Bona e Cerere, venerate dai Peligni. Nell’anno 1000, secondo la tradizione orale nel territorio esistevano 11 chiese e con molta probabilità anche la chiesa di S. Maria della Neve, ma con un titolo diverso. Lavori di restauro ed ampliamenti vi furono eseguiti per volontà dei De Sangro e nel 1093 entra a far parte dei possedimenti di Oderisio. Oggi la chiesa appare priva di uno stile architettonico univoco, ma risulta essere la sintesi di interventi e rifacimenti successivi, che ne hanno modificati l’impianto nonchè le decorazioni interne. Il prospetto principale del santuario presenta un portico con quattro archi a tutto sesto, che anticipa la parete in cui si apre la porta di ingresso. Il campanile a pianta quadrata si erge sulla sinistra del porticato. L’interno è diviso in tre navate da pilastri in pietra concia che sostengono archi a sesto acuto. L’altare maggiore di costruzione posteriore, è sormontato da una cupola.