Castello

Tipo
Castello
Nazione
Italia
Regione
Abruzzo
Provincia
L'Aquila
Comune
Ocre

Descrizione

Posto su un’altura, che domina il centro di Fossa, il castello ha caratteristiche di un vero e proprio nucleo urbano con strade principali e numerose vie secondarie Le sue origini sono presumibilmente molto antiche, sorse infatti probabilmente sulle rovine dell’Acropoli della città romana di Aveja. Nel 1280 fu distrutto dagli aquilani per essere poi ricostruito nel 1424 da Fortebraccio. Rioccupato l’anno seguente andò pian piano degradandosi fino allo stato di rudere presenta una poderosa cinta muraria rafforzata da torri quadrate agli angoli, ha forma irregolare a causa della posizione. Il terzo lato delle mura con andamento sinuoso viene a formare, con le muraglie a monte, una specie di vasto triangolo al cui vertice un torrione protegge i resti di una chiesa trecentesca a tre navate ed altrettanti valichi, de elementi tipici dell’architettura aquilana degli inizi del secolo XIV. Nel primo tratto della cinta difensiva rimangono tracce di una cappella con resti notevoli di un prezioso affresco del secolo XIII: una Madonna stilisticamente ed iconograficamente assai vicina a quella conservata nel Museo Nazionale e denominata Madonna "de Ambro". Il Castello di Ocre non ha le caratteristiche del fortilizio feudale e neppure di cinta comune di difesa, tipica dei borghi dell’acrocoro aquilano. Si tratta di un vero e proprio nucleo urbano con tre strade principali e numerose secondarie trasversale, con edifici gerarchicamente simili fra i quali, almeno allo stato attuale, è impossibile individuare, se mai vi fu, un edificio destinato ad un alto personaggio.

Opere collegate

Madonna in trono con il Bambino

Madonna in trono con il Bambino

Citt�: Museo Nazionale d'Abruzzo

Datazione: Sec. XIII (fine)