Madonna "delle Concanelle"

Madonna "delle Concanelle"
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno intagliato e dipinto in policromia con tracce di dorature
Autore
Magister machilonus e scultore di ambito umbro-abruzzese
Datazione
1262
Provenienza
Bugnara (AQ) - Chiesa di Santa Maria della Neve  - Visualizza sito
Dimensioni
122 x 47x 31 cm.
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE - AQ

Descrizione breve

La Vergine, in posizione rigidamente frontale, è raffigurata seduta su un basso trono riccamente decorato ai lati, con il Bambino benedicente in piedi sulla gamba sinistra. Nel volto della Vergine traspare un atteggiamento dolente, grave e meditativo, sottolineato dalla piega amara della bocca, dallo sguardo dimesso, dalla figura esile e leggermente incurvata. Sul basamento è posta l'iscrizione riportante la data di esecuzione e i nomi degli esecutori. L’opera è impostata ad un vigoroso plasticismo fatto di superfici sode e tornite e impreziosita da una garbata policromia (specie nella trattazione del trono e del cuscino) e dalla decorazione ad argento meccato del manto della Vergine e della tonacella del Bambino.

Collocazione attuale: Museo d'arte sacra della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

 

Bibliografia

G. CASTELFRANCO, Madonne romaniche in legno, in "Dedalo", 1929-30;
M. R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte d'Italia, Prov.dell'Aquila, Roma 1934;
G. DE FRANCOVICH, Una scuola di intagliatori tedeschi-tirolesi e le Madonne romaniche-umbre in legno, in "Bollettino d'arte", del Ministero della Pubblica Istruzione, XXIX, 1936;
E. CARLI, La scultura lignea senese, Milano - Firenze 1951;
E. CARLI, La scultura lignea italiana, Milano 1960;
AA.VV, Tutela dei beni culturali in Abruzzo, Ferri editore, L’Aquila 1983, pag.13-16
A. BAGNOLI,Madonna col Bambino,in Scultura dipinta.Maestri di legname e pittori a Siena 1250-1450, catalogo della mostra(Siena, Pinacoteca Nazionale, 16 luglio-31 dicembre 1987), a cura di A. Bagnolie R. Bartalini, Firenze, pagg.16-18.
D. V. FUCINESE, La scultura lignea e l'opera dei maestri lignari, in "Teate antiqua", Chieti 1991;
E. CARLI, Arte in Abruzzo, Venezia 1998.pag.60
C. TROPEA,Sculture lignee in Abruzzo, in Abruzzo:Giubileo tra fede ed arte; Lanciano 1999 ; pag.130
C. TROPEA,Guida alla visita dei Musei statali d’Abruzzo,S.Atto(TE), 2000;pag.46
A. CALECA, Le statue della Madonna in trono, in Sacre passioni: Scultura lignea a Pisa dal XII al XV secolo, catalogo della mostra(Pisa, Museo nazionale di S.Matteo, 8 novembre-8 aprile 2001) a cura di M. Burresi, Milano 2001,pagg.44-47
C. FRATINI, Lavori d’intaglio fra Umbria e Marche:confini professionali,fisici e politici lungo la dorsale appenninica, in Mercatello e i Bencivenni:una terra di frontiera e i maestri di legname itineranti tra ‘400 e ‘500, S.Angelo in Vado(PU) 2001,pagg.13-25( in particolare 18-19)
M. MASSA, Interferenze pittoriche lungo la dorsale appenninica, in Nuovi contributi alla scultura ligne marchigiana, atti della giornata di studi(Matelica 20 Novembre 1999),a cura di M giannatiempo Lopez, A Iacobini, S.Angelo in Vado (PU), 2002, pagg.221-242(in particolare 225-227)
G. ALBERTINI, Cenni sulla scultura lignea, in L’Abruzzo nel Medioevo, a cura di U Russo e E Tiboni, Pescara , 2003, pagg 515-516
C. FRATINI, Spello (Perugia), Pinacoteca comunale, Madonna con il Bambino, in La deposizione lignea in Europa. L’immagine, il culto, la forma, atti del convegno e catalogo della mostra, a cura di G.Sapori, B.Toscano, Milano, 2004, pagg 297-300
A. TOMEI, Sculture lignee in Abruzzo.Linee di ricerca e qualche novità in L’arte del legno in Italia, 2005,pagg.185-192( in particolare p.187)
S. PAONE, Gli affreschi della cripta di S.Giovanni in Venere a Fossacesia,in L’Abruzzo in età angioina; Atti del convegno internazionale di studi , Chieti 2004, a cura di D. Benati e A Tomei , Silvana editoriale, 2005;pag.96
A. TOMEI, Il Duecento e il Trecento, in Abruzzo terra di meraviglie della natura e della civiltà, Prato 2008;pag.206
L. Palozzi-A. D’Argento, Scheda in Terra madre Abruzzo. Madonne salvate dal Museo Nazionale de L’Aquila in mostra in Abruzzo 2009,pagg.12-13
S. PAONE, A. TOMEI, La pittura medievale nell’Abruzzo aquilano,Cinisello Balsamo (MI), 2010, pagg.153-165(in particolare pag.153)
A. DELPRIORI, Produzione figurativafra Spoleto e la Valnerina nel XIV secolo. Problemi, contesti, casi esemplari. Tesi di dottorato,XXIII ciclo 2010,Università di Firenze
L. ARBACE, Antiche Madonne d’Abruzzo. Dipinti e sculture lignee medievali dal Castello dell’Aquila, Allemandi editore, Torino 2010, pagg.70-71
L. ARBACE, La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pagg.70-71

Commenti

Quest’opera rappresenta un importante caposaldo per la ricostruzione storico-critica della scultura lignea abruzzese grazie all’iscrizione riportata lungo il bordo del basamento recante la data di esecuzione che risale al 1262. La ricerca di effetti psicologici che traspare dal volto della Vergine richiama i modi della scuola umbra, di cui un mirabile esempio è il Cristo di Penne, esposto nella sala successiva. Significative rispondenze iconografiche si riscontrano con la Madonna di S. Rocco a Poggioprimocaso (PG) e di Castelnuovo Abate presso Montalcino (SI).