Il martirio di San Bartolomeo

Il martirio di San Bartolomeo
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Collezione
Cappelli
Materia e tecnica
Olio su tela
Autore
Preti Mattia
Datazione
Sec. XVII
Provenienza
San Demetrio ne' Vestini (AQ) - Palazzo Dragonetti Cappelli
Dimensioni
h. 280, lungh. 205
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

Il dipinto raffigura al centro il martirio di S. Bartolomeo. Intorno al Santo si accaniscono i carnefici che gli strappano brandelli di pelle. Sullo sfondo un cielo nuvoloso.

L'opera è attualmente presso il Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

A.G. GALANTE,Guida sacra della città di Napoli, Napoli 1872, pag.255

L. SERRA, Aquila monumentale, Aquila 1912, pagg. 93-94

R. LONGHI, Recensione a “B. Chimirri, A. Frangipane, Mattia Preti” in “L'Arte”, 1916, pagg.370 - 371

A. SERGI, Mattia Preti detto il Cavalier Calabrese, Acireale 1927, pagg. 95, 98, 109

V. MARIANI, Mattia Preti a Malta,Roma 1929, pag.18

A. FRANGIPANE, Mattia Preti il Cavalier calabrese,Milano 1929, pag.II

E. CARLI, Segnalazioni di pittura napoletana, in "L'Arte" 41, 1938, pag.155

S. ORTOLANI, C. LORENZETTI, M. BIANCALE (catalogo della mostra a cura di), Mostra della pittura napoletana dei secoli XVII-XVIII-XIX, Napoli 1938, pag. 88

A. FRANGIPANE, Della mostra napoletana dei tre secoli di pittura( sec. XVII – XIX), in “ Britium”, n. s. 2, XVII(1938), pag.35

E. CARLI, Una scheda per Mattia Preti, in “ Le Arti”, 3, 1,(1940) n.3

C. REFICE TASCHETTA, Mattia Preti: Contribuiti alla conoscenza del Cavalier Calabrese, Brindisi 1959, pag. 57

C. REFICE TASCHETTA, Mattia Preti: contributi alla conoscenza del Cavalier ca calabrese,2 edizione, Napoli 1970, pag.74

CARADENTE in The order of St. John in Malta, catalogo della mostra a cura di R.Causa, La Valletta 1970, pag.319

A. PELAGGI, Mattia Preti ed il Seicento italiano col catalogo delle opere, Catanzaro 1972, pag.40

C. WRIGHT, Preti's martyrdom of St. Bartholomew, in “ Currier Museum Bulletin”, 1972, pagg. 3 – 10

C. REFICE TASCHETTA, Mattia Preti: contributi alla conoscenza del Cavalier ca calabrese,3 edizione, Napoli 1979, pagg.64 – 65, fig. 21

Civiltà del Seicento a Napoli, catalogo della mostra, Napoli 1984, pagg. 370; 382

J. T. SPIKE, in A taste for Angels: Neapolitan Painting in North American collections catalogo della mostra a cura di Yale University, 1987, pag.100

J. T. SPIKE, Mattia Preti. Catalogo ragionato dei dipinti , con la collaborazione di M.K. Spike, Firenze 1999, n.60

ALOISI in Mattia Preti. Il Cavalier Calabrese, catalogo della mostra( Catanzaro 7 luglio – 31 ottobre 1999), a cura di R. Rinaldi, M. Minozzi, M. Pomponi, Napoli 1999, pag.179

S. SAPONARO, Scheda in Il Cavalier calabrese. Mattia Preti tra Caravaggio e Luca Giordano, catalogo della mostra( Torino 16 maggio – 15 settembre 2013) a cura di V.Sgarbi, K Sciberras, Cinisello Balsamo 2013, pagg.121 – 122

L. ARBACE (booklet a cura di), Oltre Caravaggio. Pittura del seicento in Abruzzo tra Roma e Napoli, 2013, pag. 23

L. ARBACE , Scheda in Oltre Caravaggio. Pittura del Seicento in Abruzzo tra Roma e Napoli, catalogo della mostra a cura di L. Arbace, Napoli, Dicembre 2014, pagg. 116-121.

 

Commenti

Il dipinto venne attribuito a Preti dal Serra (1912). L'opera fu eseguita dall'artista in una fase matura della sua attività, e sono ben riconoscibili alcune caratteristiche peculiari: il denso chiaroscuro di derivazione napoletana, unito ad un sapiente uso del colore, appreso in un ambiente veneto. L'intenso naturalismo, anche'esso di influsso napoletano, è riconoscibile non solo nei particolari macabri, ma anche nella caratterizzazione eccessiva dei personaggi, che pure possiedono un'imponenza quasi statuaria.