Crocifissione

Il Calvario
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Olio su tela
Autore
Copia dall'originale di Aert Mijtens
Datazione
Sec. XVII (prima metà?)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa di Santa Maria Paganica
Dimensioni
h. 150 cm, largh. 250 cm
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

Sullo sfondo del cielo nuvoloso rossastro è raffigurato il crocifisso tra i due ladroni agonizzanti (quello di destra è tormentato da due demoni). Ai due lati il sole e la luna. In basso la Maddalena è inginocchiata ai piedi della croce; il gruppo dei dolenti, a sinistra, è circondato da una moltitudine di figure: aguzzini, soldati, numerosi cavalieri, che occupano tutto il dipinto

Collocazione attuale: Sulmona (AQ), Abbazia di Santo Spirito al Morrone.

Restauro:
Programmazione ordinaria MIBACT. Ditta S.Pissagroia

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici artistici della città di L'Aquila, L'Aquila 1848, pag. 97

T. BONANNI, Guida storica dell'Aquila e suoi contorni, L'Aquila 1874, pag. 40

L. RIVERA, Raffaello e varie memorie attinenti all'Abruzzo e a Roma, in "Bullettino della Regia Deputazione di Storia Patria", XI-XIII, 1920-22, pagg. 309-310, nota 3

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1968, pagg. 161-162

M. MORETTI, Guida al Castello Cinquecentesco e al Museo Nazionale d'Abruzzo in L'Aquila, L'Aquila 1971, pag. 88

P.L. DE CASTRIS,Pittura del Cinquecento a Napoli 1573-1606. L'ultima maniera, Napoli 1991, pag.87

R. CANNATA', Pittura meridionale del tardo Cinquecento in Abruzzo: dipinti di Teodoro d'Errico, Silvestro Buono, Giovan Bernardo Lama, Aert Mijtens e Giuseppe Cesari in “ Bollettino d'arte”s.6, LXXVIII, 77, 1993, pagg.79-92

A. SEMPERLOTTI, Aert Mijtens: un fiammingo a L'Aquila in Arte aquilana del Rinascimento, 2010, pag. 226

A. SEMPERLOTTI, Scheda in La bellezza inquieta. Arte al tempo di Margherita d’Austria a cura di L. Arbace, Allemandi editore 2013, pagg.96 - 97

 

Commenti

Questo dipinto è ricordato da Leosini (1848) nella sacrestia della chiesa di Santa Mari Paganica. Van Mander lo riferisce al soggiorno a L’Aquila del pittore Aert Mytens, che sarebbe, secondo lo stesso studioso, autore della "Presentazione ad tempio" e dell’"Adorazione dei Magi" conservati nel Museo Nazionale d’Abruzzo. Il Rivera (1920-1922) pensa che si tratti di una copia del dipinto di San Bernardino (ne cita una anche in Santa Giusta di Bazzano) eseguito intorno al 1505. Il Moretti (1968) ha distinto Aert Myens o Rinaldo il Fiammingo autore della Crocifissione di San Bernardino da quello autore dei due dipinti conservati nel Museo, e ha riconosciuto in questa tela il bozzetto per il dipinto di San Bernardino.