Ritratto del Pontefice Paolo IV Carafa

Paolo IV Carafa
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Materia e tecnica
Olio su tela
Autore
Fantitto Cesare (Aquila, 1625 ca.-1695)
Datazione
Sec. XVII (seconda metà)
Provenienza
L'Aquila - Municipio
Dimensioni
h. 207 cm, largh. 115,5 cm
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

Papa Paolo IV, pontefice dal 1555 al 1559 e figlio della nobile aquilana Vittoria di Pietro Lalle Camponeschi, è raffigurato su un trono, la cui spalliera è sormontata da elementi ornamentali tra cui due aquile. Il pontefice indossa una veste bianca sotto una cotta dello stesso colore orlata di merletto; un'ampia mozzetta rossa gli copre le spalle sulle quali è poggiata una stola ricamata. Accanto a lui un tavolo su cui sono poggiati due libri e un campanello, ai suoi piedi un cuscino con nappe. In basso a sinistra si legge: CES.FANT.AQUIL.P.

Collocazione attuale: Sulmona - Abbazia di S. Spirito al Morrone

Bibliografia

 

A. LEOSINI, Monumenti storici artistici della città di Aquila e suoi contorni, Aquila 1848, pagg. 99-100

 

V. BINDI, Artisti abruzzesi, pittori scultori architetti maestri di musica fonditori cesellatori figuli, dagli antichi a’ moderni: notizie e documenti, Napoli 1883, pag. 116

M. ODDO BONAFEDE, Guida della città dell'Aquila, Aquila 1888, pag. 106

F. S. CAIAZZO, Carlantonio De Rosis ed i suoi studi giuridico-politici-penali nello Stato di Napoli dal Regno di Carlo II di Spagna al 1712, in “Bollettino della Società di Storia Patria Anton Ludovico Antinori negli Abruzzi”, a. III (1891), pagg. 10-11

R. TRINCHIERI, L’ordine di Sant’Agostino nell’Abruzzo Aquilano. Saggio storico, in “Bullettino della Regia Deputazione Abruzzese di Storia Patria”, serie V, a. XXXII-XXXIV, voll. 3-5 (1941-1943), pag. 161

M. MORETTI, Museo Nazionale d’Abruzzo nel Castello Cinquecentesco dell’Aquila, L’Aquila 1968, pagg. 154-349

R. COLAPIETRA, L’Aquila dell'Antinori. Strutture sociali ed urbane della città nel Sei e Settecento, vol. I, Il Seicento; vol. II, Il Settecento, in Antinoriana, voll. II-III, L’Aquila 1978, pag. 874

R. COLAPIETRA, Spiritualità, coscienza civile e mentalità collettiva nella storia dell’Aquila, L’Aquila 1984, pagg. 463-464

L. LOPEZ, L’Aquila: le memorie, i monumenti, il dialetto. Guida alla città, L’Aquila 1988, pag. 74

M. ZACCAGNINI, Fantitto Cesare, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 44, Roma 1994.

L. LOPEZ, L. MAZZUCCHETTI, Il Museo Nazionale d’Abruzzo e il Castello Cinquecentesco dell’Aquila, L’Aquila 1997, pag. 132

C. TROPEA et alii, Guida alla visita dei Musei Statali d’Abruzzo, Teramo 2000

L. MONINI, Bedeschini Francesco, in E. Di Carlo (a cura di), Gente d’Abruzzo, Dizionario biografico, vol. I, pp. 265-270, Castelli (TE) 2006 (2006a), pag. 268

A. PETRACCIA, La pittura a L’Aquila.1560-1630, Tesi di Dottorato, Università degli Studi Roma Tre, (XXI ciclo), Roma 2010, pag. 46

L. ARBACE (booklet a cura di), Oltre Caravaggio. Pittura del seicento in Abruzzo tra Roma e Napoli, 2013, pagg. 17, 39, cat. 12

M. CONGEDUTI, Giulio Cesare Bedeschini e i Protettori dell’Aquila, in La bellezza inquieta, catalogo della mostra a cura di L. Arbace, 2013, pag. 109

A. MATTOZZA, Fra’ Giuseppe Eusanio vescovo di Porfirio, Corfinio (AQ) 2013, pagg. 32-33

G. PORZIO, Scheda in Oltre Caravaggio. Pittura del Seicento in Abruzzo tra Roma e Napoli, catalogo della mostra a cura di L. Arbace, Napoli, Dicembre 2014, pagg. 137-141 .

Commenti

Proveniente dal Museo Civico, nel cui inventario manoscritto è indicato come di antica proprietà del Comune, questo dipinto è firmato dal pittore aquilano Cesare Fantitto. Secondo la testimonianza del libro delle Riforme del 1688, citato da Leosini, Cesare Fantitto avrebbe dipinto nella prima camera del Comune due pontefici e otto cardinali, ma al tempo del Leosini rimaneva soltanto la tela raffigurante Paolo IV. Il dipinto ha pertanto il 1688 come terminus ante quem, ma le caratteristiche stilistiche fanno propendere per una datazione non molto precedente. La fisionomia del papa ritratto corrisponde a quella di Paolo IV Carafa (1555-1559) tramandataci da diverse incisioni. La preseza di un suo ritratto nel palazzo municipale dell’Aquila è motivata dal fatto che sua madre, Vittoria di Pietro Lalle Camponeschi, era aquilana.