Madonna "de Ambro"

Madonna "de Ambro"
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Tempera su tela applicata a tavola
Datazione
Sec. XIII (prima metà)
Provenienza
San Pio di Fontecchio (AQ) - Chiesa di Santa Maria a Grajano  - Visualizza sito
Dimensioni
h. 173 cm, largh. 66 cm
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE - AQ

Descrizione breve

Il dipinto, che raffigura la Madonna mentre allatta il Bambino, è detta Madonna “de ambro” dalla scritta sul bordo inferiore della tavola, di cui però non si conosce l’origine. Dal limite superiore della tavola emerge il nimbo circolare della Madonna che, indulgendo ad una vena di naturalismo popolare, ha i capelli raccolti in una rete a cordoncino attorto con le terminazioni a nappa che le scendono sulle spalle secondo un’aderenza immediata al patrimonio culturale delle genti per le quali l’immagine venne creata; una pesante corona completa l’acconciatura. I tratti del disegno sono molto accentuati, le tinte piatte ed intense, una rigorosa frontalità e fissità dello sguardo caratterizzano la figura della Vergine, conferendo all’immagine una solenne maestosità.

Collocazione attuale: Museo d'arte sacra della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

P. PICCIRILLI, Su e giù per l'Abruzzo, in "Pagine d'arte", VII, Fontecchio 1919;
P. TOESCA, Il Medioevo, Torino 1927;
A. O. QUINTAVALLE, Contributi allo studio della pittura romanica in Campania, in "Crisopoli", II, 1934;
E. B. GARRISON, Italian Romanesque Panel Painting, Florence 1949;
G. MATTHIAE, Il Castello dell'Aquila e il Museo Nazionale Abruzzese, Roma 1969; pag. 12
F. BOLOGNA, Pittura italiana delle origini, Roma 1962; pagg. 43-44; 54.
M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1968; pag. 15
G. MATTHIAE, Pittura medievale abruzzese, Milano 1969; pag. 72
M. MORETTI, Architettura medievale in Abruzzo, L'Aquila 1971;
M. MORETTI, Guida al Castello cinquecentesco dell'Aquila e al Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1971;
V. PACE - aggiornamento a E. BERTAUX, L'art dans l'Italie Méridionale, Roma 1978;
M. BOSKOVITZ, Gli affreschi del Duomo di Anagni: un capitolo di pittura romana, in "Paragone", XXX, 1979; pag.29
O. LEHMANN-BROCKHAUS, Abruzzen und Molise, Munchen 1983.
V. PACE,La pittura del ‘200 e del ‘300 in Abruzzo e Molise, in La pittura in Italia - Il Duecento e il Trecento, Electa, Milano 1985, pag. 444.
E. CARLI, Arte in Abruzzo, Venezia 1998. pag. 38
V. LUCHERINI, Pittura tardoduecentesca in Abruzzo. Gli affreschi di Fossa e l’attività della bottega di Gentile da Rocca, in Dialoghi di storia dell’arte 8/9, 1999; pag. 81.
C. TROPEA, Guida alla visita dei Musei statali d’Abruzzo, S.Atto (TE), 2000
V. LUCHERINI, Un raro tema della pittura abruzzese del Duecento: la Madonna Regina allattante, in Medioevo: i modelli; Atti del Convegno internazionale di studi, Parma 27 Settembre -1 ottobre 1999, A. C. Quintavalle (a cura di), Milano 2002, pag. 682

G. BENAZZI, G. CARBONARO, La Croce di Alberto “Sotio”, in La cattedrale di Spoleto, storia, arte, conservazione, Milano 2002, pag. 177-183
M. DELLA VALLE, La pittura nell’Abruzzo medievale e le sue componenti culturali tra Occidente e Oriente, Milano 2003, pagg. 150-151
G. PAOLINI, Chiesa e complesso monastico di S Maria a Grajano in S.Pio di Fontecchio, Teramo2003.
A. MONCIATTI, La Madonna regina della collezione Vitali restaurata, in Brera mai vista. Alberto Sotio a Spoleto sul finire del secolo XII,, Electa, Milano 2005, pag. 9-33.
D. PICCIRILLI, Committenza francese in Abruzzo nella prima età angioina, in L’Abruzzo in età angioina. Arte di frontiera tra Medioevo e Rinascimento, Atti del convegno internazionale di studi, Chieti, Campus universitario, 1-2 Aprile 2004, a cura di D. Benati e A. Tomei, Silvana editoriale, 2005, pag. 56
G. CURZI, Dall’alto Medioevo all’età angioina, in AA.VV. Abruzzo terra di meraviglie della natura e della civiltà, Giunti editore, Milano 2008, pag. 199
F. BOLOGNA, Le arti nel monastero e nel territorio di S.Angelo d’Ocre, in S.Angelo d’Ocre a cura di C.Savastano, Verdone editore , 2009, pag. 190-193.
C. PASQUALETTI, Le arti figurative all’Aquila nel basso Medioevo in AA.VV. L’Aquila bella mai non po’ perire, Catalogo della mostra, Gangemi editore, Roma 2009
A. DEL PRIORI, Scheda in AA.VV. ”L’Aquila bella mai non po’ perire Catalogo della Mostra , Gangemi editore, Roma 2009.
AA.VV., S.O.S. arte dall’Abruzzo. Una mostra per non dimenticare, Gangemi editore 2010; pag.163
S. PAONE - A. TOMEI, La pittura medievale nell’Abruzzo aquilano, Silvana editoriale, 2010, pag. 52
L. ARBACE, Antiche Madonne d’Abruzzo. Dipinti e sculture lignee medievali dal Castello dell’Aquila, Allemandi editore, Torino 2010, pagg. 51-55
L. ARBACE, La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino,2011, pagg. 51-55

 

Commenti

Il dipinto  fu pubblicato dal Piccirilli nel 1919 come opera del XIII secolo, il Toesca l'accostò per la corona ed i tratti del volto alla Madonna dell'abside di S.Maria in Foro Claudio; il Garrison la ritenne eseguita in ambiente umbro-abruzzese datandola al 1270-80. Il Matthiae, per primo accostò la tavola alla produzione spoletina, il Bologna, ritenendola "già duecentesca", ne sottolineò le affinità con la produzione di A. Sotio e con gli affreschi di Rongolise. Il BosKovits, ricercando le matrici culturali del Terzo Maestro di Anagni, attribuì l'opera allo stesso Alberto Sotio, confermando il tal modo la datazione precoce al primo quarto del XIII secolo.