San Bernardino da Siena

San Bernardino da Siena
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Olio su tela
Autore
Giulio Cesare Bedeschini
Datazione
Sec. XVII (prima metà)
Provenienza
L'Aquila - Museo Arte Sacra
Dimensioni
h. 150 cm, largh. 110 cm
Diritti oggetto digitale
BSAE AQ

Descrizione breve

Il Santo,raffigurato a tre quarti di figura e in posizione obliqua, indossa il saio francescano secondo la tradizione iconografica tradizionale; con la mano destra indica il monogramma di Gesù contornato di raggi fiammanti. Con la mano sinistra sostiene il modello della città di L'aquila, in cui è visibile la chiesa a lui intitolata. In basso a sinistra due libri.

L'opera è attualmente presso l'Abbazia di Santo Spirito al Morrone, località Badia, Sulmona (AQ)

Bibliografia

Opere del museo Diocesano conservate in deposito alla Soprintendenza dell'Aquila (inventario manoscritto, 4 luglio 1966), p.13, n.159.
 

C. CRISPOMONTI, Istoria dell’origine e fondazione della città dell’Aquila e breve raccolta di uomini illustri, ms.1, tomo III, p.27; ms.89, tomo II, c.191, Biblioteca provinciale di L’Aquila “ S. Tommasi”

A. LEOSINI, Monumenti storici e artistici della città dell’Aquila e suoi contorni, Aquila 1848

V. BINDI, Artisti abruzzesi, pittori, scultori, architetti, maestri di musica, fonditori, cesellatori, figuli dagli antichi ai moderni. Notizie e documenti. Napoli, 1882
U. CHIERICI, Bedeschini, in “ Dizionario Biografico degli italiani, Roma 1965, pagg.518 – 520
M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel castello cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pagg.156 – 157 e 347
G. DI GIOVANNI, Nuovi dati per una biografia del Bedeschini, artisti aquilani del XVII secolo, in “Il tratturo”, Collana dei quaderni d’Abruzzo, Roma 1970, pagg. 9 – 14
M. MORETTI, Guida al Castello Cinquecentesco ed al Museo Nazionale d'Abruzzo in L'Aquila, L'Aquila 1971
R. COLAPIETRA, Spiritualità, coscienza civile e mentalità collettiva nella storia dell’Aquila, L’Aquila, 1984, pagg.193 – 194,352 e 355
R. TORLONTANO, Bedeschini G.Cesare, in Dizionario della pittura e dei pittori, Torino 1989, p.279
M. ZACCAGNINI, Il Seicento pittorico aquilano. Bedeschini nella cappella Branconio, in Oggi e domani, 18, 1990, n. 6, p. 32
L. MONINI, Bedeschini G. Cesare, in Gente d’Abruzzo, Dizionario biografico, E. Di Carlo(a cura di), Recanati(Mc), 2006, pagg. 271 – 278
G. GIULIANI, I Bedeschini: bibliografia e documenti, in Deputazione di storia patria, Incontri culturali del soci, L’Aquila 2008, pagg.125 – 132
C. PASQUALETTI(a cura di ), Un anno d’arte, Dodici mesi illustrati dagli artisti della Provincia dell’Aquila, Calendario dell’Amministrazione Provinciale dell’Aquila, L’Aquila, 2008
M. MACCHERINI, Le arti figurative all’Aquila tra Seicento e Settecento, in “ L’Aquila bella mai non po’ perire. A Nicosia(a cura di), Roma 2009, pagg.111 – 114 e 185
M. CONGEDUTI, Scheda in S. O .S. arte dall’Abruzzo. Una mostra per non dimenticare, Gangemi editore, Roma 2010, pag.196 - 199
L. MONINI, Schedain La memoria e la speranza. Arredi liturgici da salvare nell’Abruzzo del terremoto. Ed. Musei Vaticani,  
M. CONGEDUTI, Giulio Cesare Bedeschini e i protettori dell'Aquila in La bellezza inquieta. Arte al tempo di Margherita d’Austria a cura di L. Arbace, Allemandi editore 2013, pagg. 106 – 111

 

Commenti

Quest’opera fa parte di una serie di quattro dipinti raffiguranti i santi protettori della città dell’Aquila. Conservato precedentemente nel Museo Diocesano, non se ne conosce l’ubicazione originaria. Moretti ha giudicato questa serie come una delle migliori tra quelle raffiguranti i quattro santi protettori, tutte derivate dallo stesso prototipo.