Madonna in trono con il Bambino

Madonna in trono con il Bambino
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno di ciliegio scolpito, dipinto in policromia con dorature
Datazione
Sec. XII (fine)
Provenienza
Lettopalena (CH) - Chiesa di San Nicola di Bari; ivi pervenuta dalla Abbazia di Santa Maria in Monteplanizio  - Visualizza sito
Dimensioni
h. 139 cm - largh. 47 cm
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE - AQ

Descrizione breve

La scultura raffigura la Madonna in trono con il Bambino benedicente sulle ginocchia; presumibilmente doveva trattarsi di una Madonna regina con corona lignea, dato il grosso foro sulla testa. Su un basamento quadrangolare a doppio gradino la Madonna, mutila della mano destra, è raffigurata in posizione frontale seduta su uno scanno. Tiene in grembo il Bambino, trattenendolo con la mano sinistra. Ha i capelli con scriminatura centrale, raccolti sulla nuca. Indossa un abito color ocra, decorato con fasce nere con motivi geometrici ovali rossi e azzurri, alternati a perline rosse e ocra disposte a quadrati. Al di sotto si intravede il bordo inferiore della tunica bianca a pieghe. Il Bambino ha il braccio destro sollevato e con la mano sinistra regge il globo, indossa un abito amaranto decorato a strisce ocra con perline rosse ed ocra. Un'alta fascia ferma la tunica alla vita, lasciando scoperta la tunica bianca al di sotto, decorata con righe di perline color amaranto ed arancio.

Collocazione attuale: Museo della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

E. CARLI, Scultura lignea italiana, Milano 1960
G. SGATTONI, Sculture lignee aprutine, in La voce pretuziana, Teramo 1977
F. BOLOGNA, La Madonna con Bambino di Castelli, in D.A.T. I, La valle siciliana del Mavone, Roma 1983, pag. 300-304.
AA.VV., Restauri di opere d’arte in Abruzzo. Sinergie e metodi, XII Settimana dei Beni culturali, Soprintendenza B.A.A.A.S. per l’Abruzzo, L’Aquila, Edigrafital 1997
C. TROPEA, Sculture lignee in Abruzzo, in AA.VV. Abruzzo - Giubileo tra fede ed arte; Lanciano 1999, pag. 122
P. LEONE DE Castris- P. VENTUROLI (a cura di) Scultura lignea in Basilicata dalla fine del XII alla prima metà del XVI secolo, Torino 2004
G. CURZI, Dall’alto medioevo all’età angioina, in Abruzzo terra di meraviglie della natura e della civiltà, Milano 2008, pag. 199
AA.VV., S.O.S. arte dall’Abruzzo. Una mostra per non dimenticare, Gangemi editore 2010; pag. 158-159
L. ARBACE, Antiche Madonne d’Abruzzo. Dipinti e sculture lignee medievali dal Castello dell’Aquila,Allemandi editore, Torino 2010, pagg. 42-43
L. ARBACE, La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino,2011, pagg. 42-43
Soprintendenza B.S.A.E. dell’Abruzzo Scheda OA, s.d.

Commenti

L’iconografia deriva sicuramente dalla scultura d’oltralpe e, più precisamente, dalla Cattedrale di Chartres, con evidenti riferimenti all’arte bizantina. La scultura è stata realizzata in un unico blocco di legno, ad eccezione del braccio destro della Madonna e delle braccia del Bambino. Dalle analisi di laboratorio è risultato trattarsi di legno di latifoglia, probabilmente ciliegio, specie pregiata usata anticamente per opere di rilievo come è avvalorato anche dall’impiego di tecniche molto raffinate tipo l’uso di foglia di stagno meccata per la doratura.