Madonna di Fossa

Madonna di Fossa
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno intagliato e dipinto in policromia
Autore
Maestro della Madonna di San Silvestro
Datazione
Sec. XIV (tra il quarto e il quinto decennio)
Provenienza
Fossa (AQ) - Chiesa di Santa Maria ad Cryptas  - Visualizza sito
Dimensioni
225 x 71x 50 cm.
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE - AQ

Descrizione breve

La Vergine seduta, perfettamente frontale, veste una tunica rossa e un manto dorato con decorazioni nere sul bordo. Ha i capelli bipartiti che si intravedono al di sotto di un velo bianco che le scende sulle spalle. Sul capo reca una corona. La Vergine sostiene con la mano sinistra, in piedi sul suo ginocchio, il Bambino benedicente, che veste una tunica verde e un manto d'oro. Il gruppo è contenuto all'interno di un tabernacolo a pianta triangolare decorato nella parte superiore da un'archeggiatura con cielo stellato, nella parte intermedia da un drappo damascato rosso e argento a mo' di dorsale ed in basso da un sedile di tipo cosmatesco su cui sembra sedere la Vergine. Sugli sportelli, andati perduti, che originariamente chiudevano il tabernacolo erano raffigurati, a destra: la Crocifissione, la Fustigazione e il Bacio di Giuda, a sinistra: l'Annunciazione, l'Adorazione dei Magi e la Presentazione al Tempio, unico riquadro rimasto ed attualmente conservato nel Museo.

Collocazione attuale: Museo d'arte sacra della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Pronto intervento: 2009; manutenzione 2010



Bibliografia

V. BINDI, Monumenti storici e artistici dell'Abruzzo, Napoli 1889;
P. PICCIRILLI, Rassegna d'arte degli Abruzzi e del Molise, 1917;
M. CHINI, Pittori aquilani del '400, in "R.A.A.A.M.", 1912;pag.33
M. R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte d'Italia, Prov. di L'Aquila, Roma 1934.
P.TOESCA, Il Trecento, Torino 1951,pag.691
E.CARLI, La scultura lignea italiana, Milano 1960, pag.47
G.PREVITALI, Sulle tracce di una scultura umbra del ‘300, in “Paragone”, n.181,1965;pagg.21-23
A. LEOSINI, Monumenti storici artistici della città dell’Aquila e suoi contorni, A.Forni Editore, 1974, pag 271
M.ANDALORO, Studi sull’arte medievale in Abruzzo, Dispense a cura di J.Carlettini, Università G.D’Annunzio-Chieti, A.A. 1988-89; pag.60
E.CARLI, Arte in Abruzzo, Venezia, 1998;pag.55
C. TROPEA,Sculture lignee in Abruzzo, in Abruzzo:Giubileo tra fede ed arte; Lanciano 1999;pag.123
S.PAONE, Gli affreschi della cripta di S.Giovanni in Venere a Fossacesia,in L’Abruzzo in età angioina; Atti del convegno internazionale di studi , Chieti 2004, a cura di D. Benati e A Tomei , Silvana editoriale, 2005;pag.96
A.TOMEI, Il Duecento e il Trecento, in Abruzzo terra di meraviglie della natura e della civiltà, Prato 2008;pag.219
C.PASQUALETTI, Le arti figurative all’Aquila nel basso Medioevo in AA.VV. L’Aquila bella mai non po’ perire, Catalogo della mostra,Gangemi editore, Roma 2009
L. ARBACE, Antiche Madonne d’Abruzzo. Dipinti e sculture lignee medievali dal Castello dell’Aquila,Allemandi editore, Torino 2010, pagg.99-102
L. ARBACE, La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pagg.99-102
Archivio Storico Soprintendenza B.S.A.E., Schede OA s.d.

Commenti

L'opera è attribuita ad un’inedita personalità pittorica indicata con il nome convenzionale di Maestro di Fossa, attivo nell'Umbria meridionale ed in Abruzzo nella prima metà del XIV secolo. Gli sportelli, trafugati, che chiudevano il tabernacolo, erano dipinti con storie della vita di Cristo. A sinistra: L’Annunciazione, L’Adorazione dei Magi, La presentazione al tempio; a destra: La Crocifissione, La Fustigazione, Il Bacio di Giuda. E’ stato recuperato solo il frammento con la scena della Presentazione al tempio che figura esposto al Museo. Anche i pannelli sono stati attribuiti al Maestro di Fossa, cui in seguito sono state accostate diverse opere presenti a Spoleto ed in collezioni private.