Seggio vescovile e coppia di sgabelli

Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Arredo liturgico
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno intagliato
Autore
Datazione
Sec. XVIII (fine)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa di Santa Apollonia
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

La base del seggiolone consta di una crociera a tripla curvatura fogliata, su cui poggiano quattro gambe che, arcuate verso l'esterno, sono decorate da motivi vegetali. Queste sostengono il telaio sagomato del sedile costituito superiormente da una fascia con volute fogliate e inferiormente da una decorazione a giorno, tipo graticcio, con foglia centrale. I sostegni arcuati dei braccioli a tortiglione e quelli lineari dello schienale presentano decorazioni simili a quelle già descritte. Lo schienale ampio e dal profilo modanato, nei due lati sagomati, ha decorazioni fogliacee, a rosette e volute, lateralmente listelli più semplici. La tappezzeria è in damasco rosso. Gli sgabelli sono sostenuti da due larghi elementi sagomati collegati tra loro lateralmente da due alte traverse dal profilo arrotondato e in basso da un'unica traversa tornita. I profili dei sostegni sono costituiti da due volute fogliacee su cui si impostano altre più sottili volute annodate. Al centro del sostegno, in una formella mistilinea, è un mascherone e una ghirlanda di frutta e foglie.

Bibliografia

M.R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte della provincia dell'Aquila, Roma 1934, p. 14.

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo, Roma 1968, p. 326.

Commenti

I motivi decorativi del seggiolone e dei due sgabelli appartengono al repertorio tardo-barocco. Particolarmente significativa è la decorazione ad intreccio della base del sedile che appartiene alla rocaille internationale. L'opera - come indicarono Gabrielli (1934) e Moretti (1968) - può essere ascritta al XVIII secolo e ricondotta ad un'influenza artistica di matrice napoletana.