Madonna del Rosario

Madonna del Rosario
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra, piano primo, sala 10
Materia e tecnica
Tempera su tavola
Autore
Gatti Saturnino
Datazione
Sec. XV (seconda metà)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa di San Domenico  - Visualizza sito
Dimensioni
h. 249 cm - largh. 175 cm
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici-artistici della città dell'Aquila, L'Aquila 1848;
G. B. MANIERI, Inventario a mano del Museo Civico Aquilano, 1918;
M. CHINI, Pittori aquilani del '400, in "Rassegna d'arte dell'Abruzzo e del Molise", a. II, 1913;
L. SERRA, L'Aquila, Bergamo 1929;
L. SERRA, L'Aquila monumentale, L'Aquila 1912;
A. VENTURI, Storia dell'arte italiana. La pittura del Quattrocento, Volume 7, Edizione 2, Milano 1913;
M. R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte d'Italia, Prov. di L'Aquila, Roma 1934;
G. MATTHIAE, Il Castello dell'Aquila ed il Museo Nazionale d'Abruzzo, Roma 1959;
M. MORETTI, Il Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1968.
R. CANNATA’, Francesco da Montereale e la pittura a L’Aquila dalla fine del ‘400 alla prima metà del ‘500. Una proposta per il recupero e la conservazione, in “Storia dell’arte, 1981, n. 41, pagg. 64 - 66
R. TORLONTANO, La pittura in Abruzzo nel Quattrocento, in La pittura in Italia. Il Quattrocento, Milano 1987, II, pagg. 445, 663.
T. R. MANNETTI - N. CHELLI - G. VECCHIOLI (a cura di), Saturnino Gatti nella chiesa di S. Panfilo a Tornimparte, L’Aquila 1992, pagg. 11- 36
R. CANNATA’ ad vocem in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 52, 1999
A. ANGELINI, Saturnino Gatti e la congiuntura verrocchiesca a L’Aquila in “I da Varano e le arti”, atti del convegno internazionale (Camerino, 4 - 6 ottobre 2001), a cura di A. De Marchi e P. L. Falaschi, Ripatransone, 2003, pag. 850
DEHEMER, Gatti Saturnino(di Giovanni)de’, in Allgemeines Kùnsterlexikon. Die bildenden Kunstler aller iten unt Volker, 50, Munchen -Leipzig, 2006,  pag. 146.
G. BOFFI, ad vocem in Gente d’Abruzzo. Dizionario biografico, a cura di E. Di Carlo, Vol. V, Castelli (TE), 2006, pagg. 249 - 25
M. L. CARANI, La presentazione di Gesù al tempio: un Saturnino Gatti inedito,in “Critica d’arte”, LXIX, n. 29 - 31, 200, pag. 9.
G. BOFFI, Brevi note biografiche su Saturnino Gatti, in La memoria e la speranza. Arredi liturgici da salvare nell’Abruzzo del terremoto, Città del Vaticano, 2010, pagg. 75 - 79
M. MACCHERINI, Saturnino Gatti e la sua bottega in L’arte aquilana del rinascimento, Edizioni L’Una, L’Aquila 2010, pag. 128
C. PASQUALETTI, Saturnino Gatti e Francesco da Montereale in San Domenico a L’Aquila, in “Predella” n. 30, 2011
L. ARBACE (a cura di), La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pag. 125
L. ARBACE, Saturnino Gatti. I volti dell’anima, De Siena editore, 2012, pag.43, 87, 99

Commenti

Secondo un atto rogato dal notaio Valerio, rinvenuto dal Leosini nelle carte Agnifili, risulta che il dipinto fu eseguito, per quella famiglia, dal pittore e scultore aquilano Saturnino Gatti nel 1511. L'opera è pertanto documento fondamentale per lo studio della pittura locale agli inizi del XVI secolo. Dipinto di particolare complessità compositiva e di alta qualità, è assai vicino, specie nella Madonna ed il Bambino, alla tavola pervenuta dalla Cappella di Palazzo. Oltre alle solite componenti umbro-romane sono da evidenziare alcune notazioni ritrattistiche assai valide nel gruppo dei personaggi ai piedi della Vergine.