Santa Caterina d'Alessandria

Santa Caterina d'Alessandria
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno dipinto
Autore
Maestro del Crocifisso d'argento
Datazione
Sec. XIV (prima metà)
Provenienza
L'Aquila - Collezione Rivera  - Visualizza sito
Dimensioni
h. 136 cm
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE AQ

Descrizione breve

La Santa coronata è raffigurata a tutto tondo in posizione frontale. Nelle sue mani ha la palma del martirio e un libro, mentre dal capo le scende un velo bianco; al di sotto del quale un mantello dorato, con il bordo decorato a losanghe le copre le spalle. La veste verde lascia intravedere la sottoveste rossa ornata a ramages.

Collocazione attuale: Museo d’Arte Sacra della Marsica - Celano(AQ) – Castello Piccolomini

Bibliografia

M. R. GABRIELLI Inventario degli oggetti d’arte d'Italia, IV, Prov. di L'Aquila, Roma 1934, pag. 45

G. MATTHIAE, Il Castello dell'Aquila ed il Museo Nazionale Abruzzese, Roma 1959, pag. 15

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello Cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag. 26

O. LEHMANN-BROCKHAUS, Abruzzen und Molisen, Munchen 1983

M. ANDALORO, Connessioni artistiche fra Umbria meridionale e Abruzzo nel Trecento, in Dall’Albornoz all’età dei Borgia: questioni di cultura figurativa nell’Umbria meridionale, Atti del Convegno di Studi, Terni 1990
E. CARLI, Arte in Abruzzo, Venezia, 1998, pagg.  66; 68

C. TROPEA, Statua di S. Michele Arcangelo, coppia di sportelli con i Santi Bartolomeo, Quirico e Giulitta in D. A. T. V Dalla valle del Piomba alla valle del Basso Pescara, pagg. 299 - 305 

C. TROPEA, Sculture lignee in Abruzzo, in AA.VV. Abruzzo-Giubileo tra fede ed arte, Lanciano 1999, pag. 123

C. TROPEA, Guida alla visita dei Musei statali d’Abruzzo, S. Atto (TE), 2000, pag. 53

D. CATALANO, Sculture in legno policromo dal territorio molisano: quache novità e qualche riflessione, in L’Abruzzo in età angioina; Atti del convegno internazionale di studi , Chieti2004, a cura di D. Benati e A. Tomei , Silvana editoriale, 2005, pag. 161

A. TOMEI, Il Duecento e il Trecento, in Abruzzo terra di meraviglie della natura e della civiltà, Prato 2008, pag. 218

C. TROPEA, in Giotto e il Trecento, Catalogo della mostra (Roma, 6 marzo-29 giugno 2009) a cura di A .Tomei, Skira, Milano 2009 pagg. 209 - 210 cat. 54

A. DEL PRIORI, Scheda in  L’Aquila bella mai non po’ perire, Catalogo della Mostra , Gangemi editore,Roma 2009, pag. 203

C. PASQUALETTI, Le arti figurative all’Aquila nel basso Medioevo in  L’Aquila bella mai non po’ perire, Catalogo della mostra, Gangemi editore, Roma 2009, pag. 92 – 93

A. TOMEI, Le Madonne lignee della prima età angioina in Antiche Madonne d’Abruzzo. Dipinti e sculture lignee medievali dal Castello dell’Aquila, a cura di L. Arbace, Allemandi editore, Torino 2010, pag. 27

AA.VV., S.O.S. arte dall’Abruzzo. Una mostra per non dimenticare, Gangemi editore 2010, pag. 167

A. TOMEI, Le Madonne lignee della prima età angioina in La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, a cura di L. Arbace, Allemandi editore, Torino, 2011, pag. 27

Commenti

Questa scultura faceva parte della Collezione Rivera, anche se si è ipotizzata una più antica provenienza che la vedeva nella Chiesa di S. Caterina ed un collegamento con le Sei Storie di S. Caterina d'Alessandria, probabili sportelli del tabernacolo che la conteneva (Moretti, 1968). Menzionata dal Matthiae (1959) come opera di un artista locale e datata all'inizio del XV sec., l'opera è stata collegata dal Moretti (1968) alla Madonna di S. Silvestro e riferita al XIV sec.