Pietà

Piet
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Affresco
Autore
Francesco da Montereale (documentato dal 1508 al 1549)
Datazione
Sec. XVI (prima metà)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa San Basilio
Dimensioni
h. 152 cm, largh. 316 cm
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

L'affresco presenta al centro la Madonna seduta che sostiene il corpo senza vita del Cristo; lateralmente a sinistra Santa Caterina e a destra altre due sante. Il Moretti (1968) riconosce quest'opera come "tipica di Francesco da Montereale" e la colloca nel secondo decennio del '500. L'attribuzione è convalidata dalle strette analogie che si possono rilevare con altre opere attribuite in seguito al pittore, come ad esempio l'Adorazione dei Magi in San Francesco di Carapelle Calvisio.

Collocazione attuale: Museo Arte Sacra della Marsica – Castello Piccolomini – Celano (AQ)

Bibliografia

U. SPERANZA, Il regesto e la storia del Monastero di S. Basilio curato dall’Antinori.1753, in “Bollettino deputazione Abruzzese di Storia Patria A. L. Antinori”, a. XXIV, pagg. 91, 111

G. MATTHIAE, Il Castello dell'Aquila ed il Museo Nazionale Abruzzese, Roma 1959, pag. 22

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello Cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag. 128

M. MORETTI, Guida al castello cinquecentesco dell'Aquila. Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1971, pag. 134

M. LUCCO, Una traccia per Iacopo Ripanda, in “Paragone. Arte”, 27, 315, 1976, pag. 20

F. ZERI, Italian painting in the Walters Art Gallery, Baltimora 1976, pag. 185 - 187

R. CANNATA', Francesco da Montereale e la pittura a L'Aquila dalla fine del '400 alla prima metà del '500. Una proposta per il recupero e la conservazione, in "Storia dell'arte" 41, 1981, pag. 68

P. L. DE CASTRIS, La pittura in Italia. Il Cinquecento, a cura di F. Zeri, Milano 1988, II, pagg. 510, 720

R. CANNATA', ad vocem in Dizionario Biografico degli italiani, vol. 49, 1997, pagg. 817 - 819

G. BOFFI, ad vocem in Gente d’Abruzzo, Dizionario biografico, Castelli, 2006, vol. V, pagg. 187 – 192

P. BERARDI – G. GUARNIERI, Francesco di Paolo da Montereale nella terra di confine tra cultura abruzzese e cultura laziale, in Fidelis Amatrix, V, 2007, n. 24, pagg. 16 – 22

P. SANVITO, Artisti transalpini nell’area adriatica. Alcune questioni ancora aperte in Universitates e baronie: arte e architettura in Abruzzo e nel regno al tempo dei Durazzo, Atti del Convegno di Studi, Chieti 9 – 11 Novembre2006, a cura di P.F.Pistilli, F. Manzari, G.Curzi, Pescara 2008, pagg.191 - 212

L. PEZZUTO, Francesco di Paolo da Montereale in L’arte aquilana del rinascimento, Ed. L’Una 2010, pagg. 161 – 168

A. PETACCIA, Compianto sul Cristo morto in Passato – Presente. Dialoghi d’Abruzzo, Catalogo della mostra (Genazzano - Castello Colonna 10/4 – 3/07  2011) a cura di A. Imponente, Roma 2011, pag. 116

Commenti

L'opera, gravemente danneggiata, era generalmente attribuita ad un artista abruzzese del XV secolo. Il Moretti nel 1968 l'ha riconosciuta come "opera tipica di Francesco da Montereale, databile al secondo decennio del '500". Pur tenendo conto dello stato di conservazione dell'affresco, bisogna rilevare il calo di qualità rispetto alle opere precedenti. Le forme sembrano dilatarsi sul piano, le figure sembrano non avere volume ma essere semplicemente disegnate sulla superficie del dipinto.