Madonna col Bambino, San Sebastiano e San Rocco

Madonna con Bambino San Sebastiano e San Rocco
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Tempera su tavola
Autore
Francesco da Montereale (documentato dal 1508 al 1549)
Datazione
Sec. XVI (prima metà)
Provenienza
L'Aquila - Museo Civico
Dimensioni
h. 138 cm, largh. 165 cm
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

Il dipinto raffigura al centro la Vergine, seduta su un ricco trono, e il Bambino benedicente posto su un cuscino poggiato sulle ginocchia della madre. In alto due angioletti incoronano la Vergine. Sulla sinistra è raffigurato San Sebastiano e sulla destra San Rocco.

Collocazione attuale: Deposito Mus’è Celano Paludi (AQ)

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici artistici della città dell'Aquila e suoi contorni, Aquila 1848, pagg. 100 – 101

L. SERRA, Aquila monumentale, Aquila 1912, pag. 62

G.B. MANIERI, Inventario a mano dei quadri del Municipio di L'Aquila, 1908 e 1918, pag. 185

M. CHINI, Pittori aquilani del 400, in "Rassegna d'arte dell'Abruzzo e del Molise" , Roma 1915, pag. 89

L. SERRA, Aquila, Bergamo 1929, pag. 96

M. CHINI, Documenti relativi ai pittori che operarono in Aquila dal 1450 al 1550 circa, , in Bollettino della Regia Deputazione abruzzese di storia patria, XVIII (1927), pag. 100

M. R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte in Italia. IV. Provincia di L'Aquila, Roma 1934, pag. 50

VAN MARLE, The development of the italian school of painting,The Hague, Nijoff, 1934, XV, pag. 223

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag. 130

M. MORETTI, Guida al castello cinquecentesco dell'Aquila. Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1971, pag. 134

F. ZERI, Italian painting in the Walters Art Gallery,Baltimore 1976, pagg. 185, 187

R. CANNATA', Francesco da Montereale e la pittura a L'Aquila dalla fine del '400 alla prima metà del '500. Una proposta per il recupero e la conservazione, in "Storia dell'arte" 41, 1981, pagg. 53, 68

P. L. DE CASTRIS, La pittura in Italia. Il Cinquecento, a cura di F. Zeri, Milano 1988, II, pagg. 510, 720

 

R. CANNATA', ad vocem in Dizionario Biografico degli italiani, vol. 49, 1997, pagg. 817 - 819

G. BOFFI, ad vocem in Gente d’Abruzzo, Dizionario biografico, Castelli, 2006, vol. V, pagg. 187 – 192

P. BERARDI – G. GUARNIERI, Francesco di Paolo da Montereale nella terra di confine tra cultura abruzzese e cultura laziale, in Fidelis Amatrix, V, 2007, n. 24, pagg. 16 - 22

F. BOLOGNA, Le arti nel monastero e nel territorio di S. Angelo d’Ocre, in S. Angelo d’Ocre, Castelli (TE), 2009, pag. 208

L. PEZZUTO, Francesco di Paolo da Montereale in L’arte aquilana del rinascimento, Ed. L’Una 2010, pagg. 161 - 168

L. SERRA, Aquila monumentale, Aquila 1912.

M.R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte in Italia. IV. Provincia di L'Aquila, Roma 1934.

VAN MARLE, The development of the italian school of painting, The Hague, Nijoff, 1934, XV, p. 223.

M. MORETTI, Guida al castello cinquecentesco dell'Aquila. Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1971.

G. MAGNANIMI, Ritrovamenti e restauri, Roma 1972..F. ZERI, Italian painting in the Walters Art Gallery, Baltimore 1976.

R. CANNATA', Francesco da Montereale e la pittura a L'Aquila dalla fine del '400 alla prima metà del '500. Una proposta per il recupero e la conservazione, in "Storia dell'arte" 41, 1981.

Commenti

Il dipinto, in passato attribuito a Cola dell'Amatrice, era già assegnato a Francesco da Montereale nell'Inventario Comunale a mano del 1908. Abbandonata la solida volumetria, anche se un po' grossolana dell'affresco, il pittore sembra affidare soltanto alla linea la determinazione della forma delle figure che appaiono solo delineate sul piano. Il trono su cui dovrebbe essere seduta la Vergine è del tutto inconsistente, risolto solo in maniera decorativa, e gli manca non solo ogni consistenza fisica, ma anche ogni accenno di profondità. L'opera, come ha proposto anche il Cannatà (1981, p. 68), è databile ai primi anni del secondo decennio del XVI secolo. Se pure gravemente danneggiata da antichi restauri e ridipinture, sono ancora evidenti derivazioni da Cola dell'Amatrice, ma soprattutto dalla pittura umbra, ed in particolare da Perugino.