Gesù pellegrino appare al beato Bernardino da Fossa

Ges? pellegrino appare al Beato Bernardino da Fossa
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Tempera su tavola
Autore
Francesco da Montereale (documentato dal 1508 al 1549)
Datazione
Sec. XVI (prima metà)
Provenienza
Ocre (AQ), fraz. S. Panfilo, Convento di Sant'Angelo
Dimensioni
h. 200 cm, largh. 111
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

Nella tavola è raffigurato Gesù che, vestito da pellegrino, appare a San Bernardino da Fossa, il quale si avvicina con le mani giunte, seguito da un frate.

Collocazione attuale: Mostra “ Dopo i restauri. Capolavori d’arte tra medioevo e rinascimento”  dal 25/07 al  30 /11/ 2013;  Museo d’arte Sacra della Marsica, Celano(AQ) -  Castello Piccolomini

Restauro: Sponsor Banca d’Italia - laboratorio Segarelli – Ripa Teatina (CH)

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici artistici della città dell'Aquila e suoi contorni, Aquila 1848, pag. 266

T. BONANNI, La guida storica della città dell'Aquila e dei suoi contorni, Aquila 1874, pag. 108.

M. CHINI, Pittori aquilani del '400, in "Rivista d'arte abruzzese e molisana" 1, 1912; 2, 1913; 4, 1915, pag. 90

M.R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte in Italia, Roma 1934, pag. 47

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello Cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag. 133

G. MAGNANIMI, Ritrovamenti e restauri, Roma 1972, pag. 30

R. CANNATA', Francesco da Montereale e la pittura a L'Aquila dalla fine del '400 alla prima metà del '500. Una proposta per il recupero e la conservazione, in "Storia dell'arte" 1981, pagg. 52, 53, 68

P. L. DE CASTRIS, La pittura in Italia. Il Cinquecento, a cura di F. Zeri, Milano 1988, II, pagg. 510, 720

U. DEGANO, Storia ed arte delle “Ville” d’Ocre, Deputazione Abruzzese di Storia Patria Ed. Colacchi L’Aquila, pagg. 577 - 578

R. CANNATA', ad vocem in Dizionario Biografico degli italiani, vol. 49, 1997, pagg. 817 - 819

G. BOFFI, ad vocem in Gente d’Abruzzo, Dizionario biografico, Castelli, 2006, vol. V, pagg. 187 – 192

P. BERARDI – G. GUARNIERI, Francesco di Paolo da Montereale nella terra di confine tra cultura abruzzese e cultura laziale, in Fidelis Amatrix, V, 2007, n. 24, pagg. 16 - 22

F. BOLOGNA, Le arti nel monastero e nel territorio di S. Angelo d’Ocre, in S. Angelo d’Ocre a cura di C. Savastano, Castelli (TE), 2009, pagg. 208 - 209

L. PEZZUTO, Francesco di Paolo da Montereale in L’arte aquilana del rinascimento, Ed. L’Una 2010, pag. 166

Commenti

La tavola proviene dal convento di Sant'Angelo d'Ocre, dove fu collocata, insieme a quella raffigurante la Resurrezione, presso l'altare del Beato Bernardino da Fossa, subito dopo la sua morte. La due tavole non sono di altissima qualità e, pur dovendosi attribuire senza dubbio a Francesco da Montereale per evidenti affinità stilistiche con altre sue opere, è dubbio che debbano considerarsi interamente autografe. Alcuni particolari, ad esempio il piede di San Bernardino, sono di fattura veramente grossolana. In complesso però l'artista conferma, come nelle altre opere del secondo decennio del XVI secolo, una preferenza per il linearismo a cui aggrega, come rileva il Cannatà (1981, p. 69) scoperti arcaismi di sapore crivellesco-vivariano).