Madonna con Bambino e Santi

Madonna con Bambino e Santi
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Olio su tela
Autore
Mytens Aert
Datazione
Sec. XVI (seconda metà)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa di S. Caterina
Dimensioni
h. cm. 101, largh. cm. 78
Diritti oggetto digitale
PSAE

Descrizione breve

La Madonna, seduta accanto ad un cespuglio, ha il Bambino tra le braccia, il quale porge la croce a Sant’Antonio, presentato da Santa Caterina.

L'opera è attualmente presso il Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1968, pp. 166-167.

G. PREVITALI, Dalla venuta di Teodoro d’Errico (1574) a quella di Michelangelo da Caravaggio (1607), in “Storia di Napoli”, V, 2, Cava dei Tirreni 1972, pp. 871-873.

G. PREVITALI, La pittura del Cinquecento a Napoli e nel Vicereame, Torino 1978, pp.103, 105, 135-136, nota 26.

P. L. DE CASTRIS, La pittura del Cinquecento nell’Italia meridionale, La pittura in Abruzzo e nel Molise, in La pittura in Italia. Il Cinquecento, a cura di M. Gregori, II, Milano 1987, pagg. 509 - 514

P. L. DE CASTRIS, Pittura del ‘500 a Napoli 1573 - 1606 l’ultima maniera, Electa, Napoli 1991, pag. 88

P. L. DE CASTRIS, Su Aert Mijtens e la colonia di pittori fiamminghi a Napoli,in Omaggio a Fiorella Sricchia Santoro, Prospettiva, 93 - 94, pagg. 69 - 78

P. L. DE CASTRIS, Tre nuove tele di Aert Mijtens. Chiesa di S.Maria in Colleromano. Penne in D.A.T. VI Dalla valle del Fino alla valle del medio e basso Pescara, Carsa Edizioni, 2003, pag. 503

A. SEMPERLOTTI, Aert Mijtens: un fiammingo all’Aquila in L’arte aquilana    del Rinascimento, a cura di M. Maccherini, Edizione l’UNA, L’Aquila 2010, pag. 226

 M. VITTORINI , Scheda “Madonna con Bambino e Santi” in “S.O.S. Arte dall’Abruzzo”, una mostra per non dimenticare, Gangemi Editore, Roma 2010 pag. 195

L. ARBACE, I. DI NARDO, L’arte in Abruzzo al tempo di Margherita d’Austria, allegato al n. 99 della rivista D’Abruzzo, autunno 2012, pag.VI e XIV
 

M.VITTORINI, Scheda in La bellezza inquieta. L'arte in Abruzzo al tempo di Margherita d'Austria a cura di L. Arbace, Allemandi editore, 2013, pagg. 90 - 91

Commenti

Questo dipinto, proveniente dalla chiesa di Santa Caterina, poi nel Museo Diocesano, è riferito dal Bologna (scheda n. 114) e dal Moretti (1968, 1971) ad Aert Mytens, il pittore fiammingo autore anche delle "Adorazioni dei Magi" e della "Presentazione al tempio" ora nel Museo, per le strette analogie che presenta con questi dipinti. Questa attribuzione è ripresa anche dal Previtali (1972, 1978).