Madonna con il Bambino

Madonna in trono con il Bambino
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno intagliato e dipinto
Autore
Maestro della Santa Caterina Gualino (scultore attivo nel teramano)
Datazione
Sec. XIV (prima metà)
Provenienza
Sant'Angelo Abbamano di Sant'Omero (TE) - Chiesa di San Michele Arcangelo  - Visualizza sito
Dimensioni
110 x 29,5
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

La scultura rappresenta la Madonna seduta su uno scanno in posizione frontale mentre sorregge con il braccio sinistro il Bambino in piedi. Gesù, vestito con una tunica fermata ai fianchi da un drappo, tiene una piccola sfera nella mano sinistra. La Vergine velata indossa una tunica coperta da un manto stellato.

Collocazione attuale: Museo d'arte sacra della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

G. PREVITALI, Sulle tracce di una scultura umbra del Trecento (Il maestro della S.Caterina Gualino) in "Paragone", n. 181, 1965
G. PREVITALI, Una aggiunta al Maestro della S.Caterina Gualino, in Paragone, 197, 1966 pagg. 51-53
G. SGATTONI, Sculture lignee aprutine, in La voce pretuziana, Anno VI, n.3, 1977
SOPRINTENDENZA B.A.A.A.S. per l'Abruzzo, Tutela dei beni culturali in Abruzzo, L'Aquila 1983, pag. 38;
G. PREVITALI, Due lezioni sulla scultura umbra del ‘300. II, L’Umbria alla sinistra del Tevere 2, Verso Ascoli e Teramo: il Maestro della S.Caterina in Prospettive, 38, 1984, pagg. 36-41
E. CARLI, Per il “Maestro della S.Caterina Gualino”, in Studi in onore di G. C. Argan, Roma 1984, I, pagg. 59-70
M. ANDALORO, Studi sull’arte medievale in Abruzzo, Dispense a cura di J. Carlettini, Università G. D’Annunzio- Chieti, A.A. 1988-89; pag. 61-62
M. ANDALORO, Connessioni artistiche fra Umbria meridionale e Abruzzo nel Trecento, in Dall’Albornoz all’età dei Borgia: questioni di cultura figurativa nell’Umbria meridionale, Atti del Convegno di Studi, Terni 1990; pag. 305
E. CARLI, L'arte in Abruzzo, Venezia, 1998; pag. 69
C. TROPEA, Museo Nazionale d'Abruzzo, opere d'arte del deposito, mostra di opere restaurate, settimana dei beni Culturali, Teramo 1993;
E. AMOROSI, Madonna con il Bambino, Chiesa di S. Michele Arcangelo, S. Angelo Abbamano (TE), in D.A.T. IV, Le valli della Vibrata e del Salinello, 1996.
C. TROPEA, Sculture lignee in Abruzzo, in AA.VV. Abruzzo - Giubileo tra fede ed arte; Lanciano 1999
C. TROPEA, Guida alla visita dei Musei statali d’Abruzzo, S.Atto (TE), 2000
D. CATALANO, Sculture in legno policromo dal territorio molisano: qualche novità e qualche riflessione in L’Abruzzo in età angioina. Arte di frontiera tra Medioevo e Rinascimento, Atti del Convegno internazionale di studi, Chieti 2004 a cura di D. Benati e A. Tomei, Silvana editoriale 2005; pag. 155
L. ARBACE, Antiche Madonne d’Abruzzo. Dipinti e sculture lignee medievali dal Castello dell’Aquila, Allemandi editore, Torino 2010, pagg. 94-95.
L. ARBACE, La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pagg. 94-95.

 

Commenti

L’opera è attribuita al maestro della Santa Caterina Gualino, un ignoto artista di ascendenza umbra da considerarsi la prima personalità di scultore la cui attività è stato possibile riconoscere, attiva dagli ultimi anni del Duecento o dai primi del Trecento. In questo artista ricorre un inconfondibile modulo facciale allungato, dal naso affilato, dalle labbra sottili e dalle arcate orbitali piuttosto rialzate e fortemente scandite. Egli si distingue dalla produzione coeva per il pressoché totale abbandono di una certa massività ancora di residuo romanico in favore di un più fluido ed elaborato andamento dei panneggi, per una maggiore finezza ed eleganza del modellato che trova la sua più squisita espressione negli spiritualissimi volti. Al Maestro sono ascrivibili oltre, appunto, alla Santa Caterina della Collezione Gualino, la scultura raffigurante S. Agnese dell' Isabella Stewart Gardner Museum di Boston, le Madonne di Logna di Cascia e della National Gallery of Scotland di Edimburgo, nonché, in Abruzzo, la Madonna del Duomo di Teramo e la Madonna di S. Maria di Brecciano a Villa Brozzi di Montorio al Vomano (TE) recentemente attribuitagli.