Furia Sabina

furia sabina
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Iscrizione commemorativa
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Archeologica
Materia e tecnica
Marmo
Autore
Datazione
III sec. d. C.
Provenienza
Incerta
Dimensioni
cm 47 x 77
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE AQ

Descrizione breve

FURIAE SABINAE A Furia Sabina

TRANQUILLINAE Tranquillina

SANCTISSIMAE Santissima

AUGUSTAE augusta

5 CONIUGI DOMINI N(ostri) moglie del nostro Signore

M(arci) ANTONI GORDIANI Marco Antonio Giordano

PII FELICIS INVICTI Pio Felice invincibile

AUGUSTI Augusto

DECURIALES i Decuriali

10 AEDILIUM PLEB(IS) ET degli Edili plebei

PLEB(is) CERIALIUM e dei Ceriali della plebe

DEVOTI NUMINI devoti al nume

MAIESTATIQUE EORUM e alla maestà loro.

Commenti

Lastra in marmo (cm. 47 x 77) con dedica del collegio dei decurtali all’imperatrice Tranquillina, moglie di Gordiano III (238 – 244 d.C.).
Datazione: III sec.d.C.

r 6. Marco Antonio Gordiano Pio (20 gennaio 225 - 244), noto come Gordiano III, fu Imperatore Romano dal 238 al 244. Nel 241 Gordiano III sposò la quindicenne Furia Sabina Tranquillina, figlia del nuovo Prefetto dei Pretoriani, C. Fulvio Sabinio Aquila Timesiteo, uno dei più colti personaggi del tempo, che il Senato onorò con il titolo di Protettore della Repubblica.

r 11. In epoca più tarda (44 a.C.) Cesare creò altri due edili plebei, detti edili ceriali (aediles ceriales), specificamente addetti a sorveglianti dell'annona.