Madonna con il Bambino e Santi

Madonna con il Bambino e Santi
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Affresco
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Affresco staccato
Autore
Maestro di Ocre e Preturo
Datazione
Sec. XII
Provenienza
Ocre (AQ) - Castello
Dimensioni
h.175 cm , largh. 210 cm
Diritti oggetto digitale
PSAE AQ

Descrizione breve

L’affresco presenta al centro la Vergine seduta su un trono con uno schienale a profilo ricurvo dal quale pende una cortina.Indossa una sopraveste rossa arricchita da decorazioni lungo le maniche e da una balza lungo l'orlo del mantello  sotto al quale si intravede una veste bianca. Tiene in grembo il Bambino vestito con hymation e benedicente alla greca. Ai lati della Vergine due figure:quella di sinistra, con la mano destra benedicente,  identificabile come un Santo Vescovo (S.Amico)per la mitra, il loros ed il pastorale;riguardo la figura di destra,per il tipo di vesti ed il frammento identificabile come ala, è ipotizzabile che possa trattarsi di un angelo.

Collocazione attuale: Museo d’arte Sacra della Marsica, Celano(AQ) -  Castello Piccolomini

Bibliografia

M. MORETTI, Architettura medievale in Abruzzo, Roma, 1971, pagg. 874 e 877

G. MAGNANIMI, Ritrovamenti e restauri, Roma 1972, pagg. 7 - 9

V. PACE, Affreschi, in Aggiornamento a E. Bertaux, L’art dans l’Italie méridionale, Paris 1903, tomo IV, Roma, 1978, pag. 512

M. ANDALORO, Studi sull'arte medievale in Abruzzo. Dispense a cura di Jole Carlettini, Università G. D'Annunzio, Chieti, a. a. 1987 - 88; 1988 - 89, pagg. 23-24

U. DEGANO, Storia ed arte delle ville d’Ocre, Deputazione abruzzese di Storia Patria, Studi e testi, fasc. 20, Edizioni Colacchi, L’Aquila 1996, pag. 619

S. ROMANO, La pittura medievale in Abruzzo, in “La pittura in Italia. L’Alto medioevo”, a cura di C. Bertelli, Milano 1994, pagg. 265 - 266

V. LUCHERINI, Affresco con i Santi Silvestro e Andrea. Chiesa di S. Nicola. Pescosansonesco(PE), in D. A. T. VI, 1, Dalla valle del Fino alla valle del medio e alto Pescara, 2003, pagg. 471 - 472

A. MONCIATTI, La Madonna regina della collezione Vitali restaurata, in Brera mai vista. “Alberto Sotio” a Spoleto sul finire del sec.XII, Electa, milano 2005, pagg. 12 - 13

G. CURZI, Dall’alto medioevo all’età angioina in Abruzzo terra di meraviglie della natura e della civiltà, Giunti editore, Firenze – Milano 2008, pag. 199

 F. BOLOGNA, Le arti nel monastero e nel territorio di Sant’Angelo d’Ocre in S. Angelo d’Ocre a cura di C. Savastano, Verdone editore 2009, pagg. 184 - 188

S. PAONE – A. TOMEI, La pittura medievale nell’Abruzzo aquilano, Silvana editoriale 2010, pagg. 5; 16

Commenti

L'affresco è un frammento di una più vasta decorazione pittorica di cui non è purtroppo possibile quantificare la consistenza.Non esistendo notizie sulla data di fondazione della Chiesa,si può ipotizzare un'attribuzione cronologica solo basandosi sui caratteri tipologici e stilistici della pittura.La qualità tecnica proviene dalla mano di maestri informati o comunque in rapporto con ambienti raffinati ed evoluti.L'esecuzione graficamente elaborata e ritmica con cui sono risolte le figure è riconducibile alla tradizione del più tardo bizantinismo meridionale, introdotto in Abruzzo da Montecassino.Altri elementi riconducibili all'area cassinese possono essere ravvisati nell'insistente geometrizzazione a cerchi concentrici dei manti ,nonchè nel trono a larga spalliera lignea con cortina che si ricollega strettamente alla Madonna in trono della Grotta di S.Biagio a Castellamare di Stabia.