CIL IX, 3522

icesenio firmino
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Iscrizione commemorativa
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Archeologica
Materia e tecnica
Pietra
Autore
Provenienza
Furfo, torre della chiesa di S. Maria (Barisciano)
Dimensioni
cm. 68x 46
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE AQ

Descrizione breve

L(ucius) CAESENIUS FIRM[inus]

QUAEST(or) PRAEF(ector) I (ure) D(icundo) Q(uinquennalis)

L(ucius) CAESENIUS FIRM[inus] [ NEP(os)]

L(uci) PRON(epos) QUAEST(or) QUINQ(ennalis)

TRIB(unus) MIL(itum) II FLAM(en) AUG(ustalis) Q(uinquennalis)

[BAL]NEUM D(e) S(ua) P(ecunia) FEC(erunt)

Lucio Cesenio Firmino

Questore, Prefetto quinquennale,

Lucio Cesenio Firmino [ nipote],

pronipote di Lucio, Questore Quinquennale

5 Tribuno Militare per due volte, Sacerdote di Augusto per cinque anni

fecero costruire le terme con denaro proprio.

Bibliografia

M. Buonocore 1998, n. 10, p. 934.

Commenti

Lastra in pietra (cm. 68x 46) rinvenuta nella chiesa della torre di Santa Maria di Furfona. È presente la traccia di un cardine sulla parola balneum.

r 1-3. I due personaggi appartengono all’ordine senatorio e compiono buona parte del cursus honorum. Il secondo personaggio fu anche flamen augustales, sacerdote del culto imperiale riservato ad Augusto dopo la sua morte (14 d.C.).