Ottavio Sagitta

ottavio sagitta
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Iscrizione commemorativa
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Archeologica
Materia e tecnica
Pietra
Autore
Provenienza
Macrano (Castelvecchio Subequo)
Dimensioni
cm. 185 x 95
Diritti oggetto digitale
Soprintendenza PSAE AQ

Descrizione breve

Q(uintus) OCTAVIUS L(uci) F(lius) C(nei) N(epos) L(uci) PRON(epos) SER(gia tribu)

IIVIR(us) QUINQ(ennalis) III PRAEF(ectus) FABR(rum) PRAEF(ectus) EQUI(tum)

TRIB(unus) MIL(itum) A POPULO PROCURATOR CAESARIS

AUGUSTI IN VANALICIS ET RAETIS ET IN VALLE POE

NINA PER ANNOS III ET IN HISPANIA PROVINCIA

PER ANNO X ET IN SYRIA BIENNUM

Quinto Ottavio Sagitta figlio di Lucio, nipote di Cneo, pronipote di Lucio, della tribù Sergia

Magistrato duoviro per 5 anni, prefetto dei solfati del genio per 3, prefetto dei cavalieri

Tribuno dei soldati, eletto dal popolo Procuratore di Cesare

Augusto tra i Vindelici e i Retii e nella valle Pennina

per 3 anni e nella provincia di Spagna

per 10 e in Siria per 2 anni.

Commenti

Lastra in pietra frammentata (cm. 185 x 95).
Rinvenuta a Macrano (Castelvecchio Subequo).
r 1: Il personaggio è ricordato in un’altra iscrizione che è stata ritrovata in una necropoli vicina che faceva parte del pago Bedino. O. Sagitta è figlio di Ottavio Sagitta ricordato da Tacito (Ann.13,44).