Reliquiario a ostensorio

Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Corredo liturgico
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Oreficeria e tessuti
Materia e tecnica
Argento dorato
Datazione
Sec. XIV/XVI (teca: tardo XVI; fusto e base: XIV-XV)
Provenienza
L’Aquila — Museo Diocesano di Arte Sacra
Dimensioni
h.28 cm.

Descrizione breve

Il piccolo reliquiario presenta una base circolare sulla quale poggia una seconda pentagonale, a lati falcati. Il fusto, tortile con terminazioni vegetali, è sormontato da una sfera che funge da raccordo con la teca a luce circolare. La raggiera presenta motivi ornamentali con volute, mentre la variante introdotta dei tre puntali con terminazioni gigliate suggerisce la rappresentazione della croce. La scritta che corre lungo il piede fa riferimento proprio a un frammento della sacra croce: VENITE ADOREMUS FRATER PETRUS DE TINAM PARTIS HOC OP. IN MEDIO CRUCIS RECONDICIO EST LIGNUM SALUTIS.

Bibliografia

M. Moretti, Il Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello Cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag.115.

Commenti

Si tratta di un pezzo costituito da parti eterogenee appartenenti a diverse epoche. Il fusto e la base, in argento cesellato, sono riconducibili al XIV-XV secolo, mentre la teca, anch’essa in argento, per i motivi ornamentali della raggiera, può essere collocata cronologicamente al tardo Cinquecento.