Turibolo

Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Corredo liturgico
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Oreficeria e tessuti
Materia e tecnica
Argento cesellato
Datazione
Sec. XVI (seconda metà)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa di Santa Maria Paganica  - Visualizza sito
Dimensioni
h. 26 cm

Descrizione breve

Il turibolo presenta un piede privo di qualsiasi elemento ornamentale sul quale è presente una coppa decorata con un ricco festone di frutta ottenuto con la tecnica dello sbalzo. Il coperchio esagonale ha una costruzione elaborata, con un doppio ordine architettonico costituito da 12 bifore separate da sottili colonnine doriche portanti una piccola sfera. Il coronamento è a forma di cupola esagonale ricoperta da squame e caratterizzata da nervature che vanno a cadere sulla parte mediana delle bifore del secondo ordine.

Bibliografia

Inventario dattiloscritto del Museo d'Arte Sacra, n.74. 

M. R. Gabrielli, Inventario degli oggetti d'Arte, ecc., Roma 1934, pag.34.

M. Moretti, Il Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello Cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag.115.

Commenti

Nell’Inventario degli oggetti d’arte della Provincia dell’Aquila, a cura di Maria Rosa Gabrielli, troviamo menzionato il turibolo tra gli oggetti di particolare interesse storico-artistico appartenenti alla Chiesa aquilana di Santa Maria Paganica. L’opera è senza dubbio un buon esemplare di oreficeria, probabilmente di scuola aquilana, anche se privo di qualsiasi bollo che possa chiarirne l’attribuzione.