Madonna in trono con il Bambino

Madonna con bambino
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Scultura
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Legno intagliato e dipinto in policromia
Autore
Paolo Aquilano
Datazione
Sec. XV (nono decennio)
Provenienza
L'Aquila - Chiesa di Santa Margherita, poi Museo Civico Aquilano  - Visualizza sito
Dimensioni
100 x 55 x 48 cm
Diritti oggetto digitale
BSAE AQ

Descrizione breve

Il gruppo ligneo, cavo posteriormente, raffigura la Madonna seduta su un basso sedile con le mani giunte e lo sguardo rivolto al Bambino nudo che, disteso sulle sue ginocchia, stringe tra le mani un uccellino, simbolo del mondo celeste che si oppone a quello terrestre.

Collocazione attuale: Museo d'arte sacra della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

G. B. MANIERI, Catalogo-Inventario del Museo Civico Aquilano, L'Aquila 1920
L. SERRA, Aquila, Bergamo 1929
V. MARIANI, Sculture lignee in Abruzzo, Bergamo 1930
I. C. GAVINI, Sommario della storia della scultura in Abruzzo, Casalbordino 1932
M. R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte d'Italia, IV, Prov. di L'Aquila, Roma 1934, pag. 52
L. MAC BONGIORNO, Notes on the art of Silvestro dall’Aquila, in “ The art bulletin”, XXIV, Settembre 1942, pp. 231-243
P. ROTONDI, Contributi a Silvestro dell'Aquila, in "Emporium", LVIII, 1952
M. CHINI, Silvestro aquilano e l'arte in Aquila nella seconda metà del secolo XV, L'Aquila 1954;
G. MATTHIAE, Il castello dell'Aquila e il Museo Nazionale Abruzzese, Roma 1959;
E. CARLI, La scultura lignea italiana, Milano 1961, pag. 105
C. GOMEZ MORENO, Three Madonnas in search of an author, in “ The Metropolitan Museum Bulletin”, giugno 1967, pagg. 391-392
M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968
M. MORETTI, Guida al Castello cinquecentesco e al Museo Nazionale d'Abruzzo in L'Aquila, L'Aquila 1971;
O. LEHMANN-BROCKHAUS, Abruzzen und Molise, Munchen 1983
G. CROCETTI, Magister Joannes Antonius Aquilanus alias Giovannantonio da Lucoli, pittore e scultore del sec. XVI, in “ Notizie da Palazzo Albani”, XIV, 1985, n. 1
M. FERRETTI, Silvestro dell’Aquila: Madonna col Bambino, in “Da Biduina ad Algardi: pittura e scultura a confronto, catalogo a cura di G. Romano, Antichi Maestri Pittori, Torino 1990, scheda n. 8, pp. 70/89
F. BOLOGNA, La Madonna con il Bambino di Silvestro dall’Aquila. Chiesa di S.Maria della Pace. Ancarano in D. A. T. IV, 2, 1996, pag. 494
E. CARLI, Arte in Abruzzo, Venezia 1998, pag. 78
C. TROPEA, Sculture lignee in Abruzzo in Abruzzo Giubileo tra fede e arte, 2000, pag. 143
V. DI GENNARO, Per un profilo di Giovanni di Biasuccio: “la Madonna dei Lumi” e i modelli fiorentini in Abruzzo in “Prospettiva” Rivista di storia dell’arte antica e moderna, n.117-118, Gennaio- Aprile 2005
F. BOLOGNA, Madonna con il Bambino in grembo Santuario di S. Maria delle Grazie Teramo, in D. A. T. VII, Teramo e la valle del Tordino, 2006, pag. 416
G. BOFFI, Sull’arte di Giovanni di Biasuccio da Fontavignone, con qualche aggiunta a Silvestro dell’Aquila e Saturnino Gatti in “Nuovi studi”dedicato alla memoria di S. Tumidei, n.12, 2008, pag.45 nota 32
V. DI GENNARO, Silvestro di Giacomo e la scuola aquilana, in L’arte aquilana del Rinascimento, a cura di M. Maccherini, L’Aquila 2010, pp. 62- 63
L. ARBACE (a cura di), La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pagg. 121-125
L. AMBROGI – G. DI MATTEO, Madonna col Bambino in Terra madre Abruzzo. Madonne salvate dal Museo Nazionale de L’Aquila in mostra in Abruzzo, 2009, pag.20
V. DI GENNARO, Chiesa di S. Maria della Pace in Gestione integrata dei Beni culturali:la politica del restauro. XVIII salone dell’Arte del Restauro e della Conservazione dei Beni Culturali e Ambientali, catalogo della mostra (Ferrara 30 marzo – 2 aprile 2011), Roma 2011, pagg.122 - 124

 

Commenti

L'iconografia di questo gruppo scultoreo rappresenta un'innovazione, in quanto la Vergine non appare più con i requisiti della regalità, ma come madre affettuosa. La critica ha attribuito alternativamente l'opera al Gagliardelli, a Silvestro di Giacomo o alla sua cerchia e a Sebastiano di Cola da Casentino. Studi più recenti lo riferiscono ad un artista dell'ambito di Silvestro di Giacomo, noto come Silvestro dell'Aquila.