Madonna Incoronata e Sposalizio mistico di Santa Caterina d'Alessandria

Madonna incoronata e sposalizio mistico di Santa Caterina d'Alessandria
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto
Nazione, Regione, Provincia
Italia
Citt�
L'Aquila
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra
Materia e tecnica
Tempera su tavola
Autore
Matteo da Campli
Datazione
Sec. XV (prima metà)
Provenienza
Pizzoli (AQ) Chiesa di Santa Maria del Paradiso
Dimensioni
h. 104 cm, largh. 53 cm
Diritti oggetto digitale
BSAE AQ

Descrizione breve

La tavola, bordata da una cornice dorata, raffigura la Vergine con le mani giunte, avvolta da un manto blu punteggiato di stelle dorate e profilato d'oro, che le ricopre il capo velato. Due Angeli, vestiti con una tunica verde, la incoronano. In basso il Bambino, nudo e con una grande aureola rossa crociata d'oro, porge l'anello a Santa Caterina, raffigurata in ginocchio sul cuscino. La tavola reca anche la firma dell'autore in un'iscrizione posta in basso: MGT MATE PICTOR TE CAMP.

Collocazione attuale: Museo d’Arte Sacra della Marsica - Celano AQ) - Castello Piccolomini

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici artistici della città dell'Aquila e dei suoi dintorni, L'Aquila 1848, pag.252
P. PICCIRILLI, Mostra d'arte antica abruzzese in "L'illustratore abruzzese", 1905, pagg.70 - 72
E. MODIGLIANI, Dipinti abruzzesi all'esposizione di Chieti in "Rassegna d'arte ", a. V, 1905
N. ROZZI, Breve monografia di Campli, Teramo 1909, pagg. 178 – 179
VAN MARLE, The development of the italian school of painting, Niyoff 1923-1928, pag.235
BESSONE AURELI, Dizionario dei pittori italiani, Milano-Roma 1930, pag.423
E. CARLI, Per la pittura del '400 in Abruzzo, in "Rivista del Regio Istituto d'Archeologia e Storia dell'Arte", a. IX, 1942
M. CHINI, Maestro Giacomo da Campli, pittore abruzzese del XV secolo, L'Aquila 1949
M. CHINI, Silvestro aquilano e l’arte in Aquila nella seconda metà del sec. XV, L’Aquila 1954,.pagg. 221 – 260 – nota 26
F. BOLOGNA, La ricostruzione di un polittico ed il Maestro dei polittici crivelleschi, in "Bollettino d'arte", 1948;
G. MATTHIAE, Il Castello dell'Aquila e il Museo Nazionale abruzzese, Roma 1959;
M. MORETTI, Museo Nazionale d'Abruzzo nel Castello cinquecentesco dell'Aquila, L'Aquila 1968, pag.59
ROSSI – ROBILOSSI, in Dizionario Bolaffi, 1975, pagg. 282- 283
F. BOLOGNA, Lunetta di Matteo da Campli. Chiesa del convento di S. Bernardino. Campli, in D. A. T. IV,Le valli della Vibrata e del Salinello,1996 pagg.540 - 542
E. CARLI, Arte in Abruzzo, Milano 1998, pagg.214 – 215
G. CORRIERI, Matteo da Campli, Giacomo da Campli e lo pseudo Giacomo, Rivista “CCN Campli nostra notizie”, n.13, Gennaio – Marzo 2006, pagg. 7- 9
L. ARBACE, La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pag. 106 - 107

Commenti

Quest'opera è l'unico e, dunque, fondamentale documento dell'arte di Matteo da Campli. Il dipinto, per la cura dei particolari e per l'eleganza della linea, esaltata dall'uso dei colori vivaci, mostra sicuri legami con la produzione di Andrea Delitio, in particolare con gli affreschi del Duomo di Atri. Matteo da Campli rende l'importanza dei singoli personaggi rappresentandoli con diverse dimensioni: la Vergine è di proporzioni maggiori mentre Santa Caterina, pur essendo in primo piano, è di dimensioni minori.