Madonna in trono con Bambino e Angeli

Madonna in trono con Bambino e Angeli
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
Dipinto a tempera su tavola
Luogo di conservazione
Museo Nazionale d'Abruzzo
Luogo di collocazione
Arte Sacra, piano primo, sala 10
Materia e tecnica
Tempera su tavola
Autore
Gatti Saturnino
Datazione
XVI secolo (primo decennio)
Provenienza
L'Aquila - Cappella del Palazzo di Margherita d'Austria, poi Mudeo Civico Aquilano
Dimensioni
h. 175 cm, largh. 92 cm
Diritti oggetto digitale
BSAE AQ

Descrizione breve

La tavola, a fondo oro, ha una cornice dorata a forma di arco polilobato poggiante su due colonnine. Sopra un trono marmoreo coperto da un baldacchino a festoni rossi alternati a bianchi stemmati con aquila nera, è la Vergine avvolta da un ampio manto scuro con bordo dorato, sopra una veste marrone. Ai lati del trono due Angeli oranti, vestiti l'uno con ampia veste rosa, l'altro verde, sono rivolti verso il Bimbo nudo in braccio alla Vergine, con tre fiorellini in mano.Sul suppedaneo del trono in capitali latine: AVE. REGINA. CELORUM. AVE. DOMUS.

Collocazione attuale: Museo d'arte sacra della Marsica - Castello Piccolomini di Celano (AQ).

Bibliografia

A. LEOSINI, Monumenti storici e artistici della città di L’Aquila e suoi dintorni, L’Aquila 1848,
V. BINDI, Monumenti storici e artistici dell’Abruzzo, Napoli 1889
G. B. MANIERI, Inventario a mano del Museo Civico Aquilano, 1918
M. CHINI, Pittori aquilani del '400, in "Rassegna d'arte dell'Abruzzo e del Molise", a. II, 1913
L. SERRA, L'Aquila monumentale, L'Aquila 1912
L. SERRA, L'Aquila, Bergamo 1929
R. VAN MARLE, The development of the italian school of painting, V, Toronto, 1934
M. R. GABBRIELLI, Inventario degli oggetti d'arte d'Italia, Prov. di L'Aquila, Roma 1934
A. VENTURI, Storia dell'arte italiana, 1941
F. BOLOGNA, Saturnino Gatti: un’opera, in”Paragone”, 5, pagg 60-63
G. MATTHIAE, Il Castello dell'Aquila ed il Museo Nazionale d'Abruzzo, Roma 1959
M. MORETTI, Il Museo Nazionale d'Abruzzo, L'Aquila 1968, pag.95
F. BOLOGNA, Napoli e le rotte mediterranee della pittura. Da Alfonso il Magnanimo a Ferdinando il Cattolico, Napoli 1977
R. CANNATA’, Francesco da Montereale e la pittura a L’Aquila dalla fine del ‘400 alla prima metà del ‘500. Una proposta per il recupero e la conservazione, in “Storia dell’arte, 1981, n.41, pagg. 64-66
G. BOFFI, Gatti Saturnino in Gente d’Abruzzo. Dizionario biografico, a cura di E. Di Carlo, Vol. V, Castelli(TE), 2006, pagg.249-254
V. DI GENNARO, Scheda in “ L’Aquila bella mai non po’ perire”, pagg.214-215, Gangemi editore, Roma , 2009
C. TROPEA, Scheda in S.O.S. arte dall’Abruzzo. Una mostra per non dimenticare, Gangemi editore, Roma 2010, pag.187
G. BOFFI, Brevi note biografiche su Saturnino Gatti, in La memoria e la speranza. Arredi liturgici da salvare nell’Abruzzo del terremoto, Città del Vaticano, 2010, pagg.75-79
M. MACCHERINI, L’arte aquilana del rinascimento, Edizioni L’Una, L’Aquila 2010, pag.127
L. ARBACE(a cura di), La sapienza risplende. Madonne d’Abruzzo tra Medioevo e Rinascimento, Allemandi editore, Torino, 2011, pag. 125
L. PRINCIPE, Il Sant’Egidio di Orte: aperture per Saturnino Gatti scultore, in “Nuovi studi”, Rivista di arte antica e moderna, n.18, pagg.101-128
L. ARBACE, Saturnino Gatti. I volti dell’anima, De Siena editore, 2012, pagg.87, 88, 92

 

Commenti

Il dipinto è stato unanimamente attribuito dalla critica a Saturnino Gatti per affinità con la Madonna del Rosario proveniente dalla chiesa aquilana di San Domenico, rilevando nell'ampiezza delle forme un'ascendenza pierfrancescana mediata attraverso Antoniazzo Romano. Il Serra evidenziava anche numerosi riferimenti a Fiorenzo di Lorenzo nella luminosità delle forme e nella modulazione del panneggio.